Spalletti: "Icardi è veramente forte. Scudetto? Juventus favorita ma l'Inter..."

08.09.2017 09:28 di Riccardo Fusato   Vedi letture
Fonte: gazzetta dello sport
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Spalletti: "Icardi è veramente forte. Scudetto? Juventus favorita ma l'Inter..."

Invitato negli studi della Gazzetta dello Sport, Luciano Spalletti ha parlato della sua Inter, di Mauro Icardi ma anche della Juventus e di tutte le altre avversarie dirette in questa Serie A.

"Mauro lo trovo un calciatore veramente forte. Secondo me la sua qualità è quella che pur essendo una punta mobile poi nell'andarsi a posizionare non perde mai di vista la porta e sa sempre dov'è il punto debole del portiere". Lo ha detto il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, ospite della 'Gazzetta dello Sport', parlando di Mauro Icardi. "È l'Inter che mi aspettavo dopo averla conosciuta in maniera profonda - ha aggiunto l'ex allenatore della Roma parlando del mercato - Anche se ci fossero stati colpi più importanti se non hai la conoscenza profonda potrebbero esser stati ugualmente sbagliati. In questo caso sono stati giustissimi, corretti e importanti per quella che è la nostra realtà. Di conseguenza dobbiamo essere fiduciosi per quanto riguarda il prosimo futuro". Nella lotta per lo scudetto Spalletti ha sottolineato che "la Juventus ha qualcosa in più sotto l'aspetto della sostenza, del materiale e dell'individuo. Poi ci sono realtà come quella del Napoli in cui esibiscono un calcio moderno, totale, fratto di grandissima densità ovunque. E' un valore riconosciuto da tutti e può portare delle insidie. Ma ci sono anche la Roma, le milanesi e la Lazio che non dobbiamo dimenticare. Loro sono sempre molto bravi a metter dentro calciatori che hanno carattere e qualità". L'Inter domenica giocherà contro la Spal: a San Siro sono attesi circa 60mila tifosi. "Troppa pressione? E' giusto che sia così, quando c'è un amore forte bisogna restituire poi sensazioni forti - ha concluso - Pensando al fatto di avere tanto pubblico io mi emoziono, vorrei pure andare ad accorglierli uno per uno", ha concluso l'allenatore nerazzurro.